Monte Tre Pizzi
- Tra storia e leggenda -

"Un sentiero molto bello, ma ancor più sorprendente arrivati sulla parte sommitale del Tre Pizzi, quando si giunge su un pianoro che culmina nella visita dei ruderi e delle rovine dell'antica dove chiesetta bizantina dei Santi Pietro e Paolo, dove il Grande Masso funge da eterno custode" 

Partendo dal nostro B&B Magia dell'Aspromonte, percorrendo a ferro di cavallo la strada interpoderale del Parco Nazionale che collega Antonimina e Ciminà, l'escursione inizia sul sentiero adiacente la piccola piazzola per posteggiare le jeep, attraversando una lecceta particolarmente ammodellata dal vento, che condurrà al Monte San Pietro o comunemente denominato Tre Pizzi, per la sua forma a punte.
Questa è un'escursione nell'Aspromonte orientale, alla scoperta di una delle "pietre" che caratterizzano il versante ionico della montagna più meridionale d'Italia. 
Dalla sommità del monte vi è un suggestivo panorama, si domina le fiumare di Condoianni e quella di Gerace, dalla rocca di Gerace fino alla costa dei Gelsomini (da Capo Spartivento a Punta Stilo), continuando poi con la vallata delle grandi Pietre e quindi di Pietra Cappa e la cima di Montalto fino alla Limina. 
Ai piedi del monte, come testimoniano alcuni ruderi, è presente un convento di frati eremiti che risale molto probabilmente al XII secolo, e il monte fino a qualche secolo fa era meta di pellegrini provenienti da tutta la Locride in occasione dell'annuale fiera di bestiame in onore di San Pietro.


Sul crinale del Monte con vista della vallata di Ciminà
Sul crinale del Monte con vista della vallata di Ciminà
Resti dell'Eremo di San Pietro
Resti dell'Eremo di San Pietro
Monte Tre Pizzi visto dal basso
Monte Tre Pizzi visto dal basso
Scorcio del paese di Antonimina visto dalla terza punta
Scorcio del paese di Antonimina visto dalla terza punta

Il monte Tre Pizzi, appare come un poderoso bastione di roccia proteso verso le valli sottostanti, chiamato così per la sua particolare conformazione costituita da tre torrioni di roccia granitica, un monolito a forma di tre dita. 

Dalla sommità del monte vi è un suggestivo panorama, si domina le fiumare di Condoianni e quella di Gerace, dalla rocca di Gerace fino alla costa dei Gelsomini (da Capo Spartivento a Punta Stilo), continuando poi con la vallata delle grandi Pietre e quindi di Pietra Cappa e la cima di Montalto fino alla Limina. 
Ai piedi del monte, come testimoniano alcuni ruderi, è presente un convento di frati eremiti che risale molto probabilmente al XII secolo, e il monte fino a qualche secolo fa era meta di pellegrini provenienti da tutta la Locride in occasione dell'annuale fiera di bestiame in onore di San Pietro.

La visuale offerta, è come essere affacciati da una terrazza che mira sull'intera Locride e sul mar Ionio!

Vista da Monte Tre Pizzi sulla Locride
Vista da Monte Tre Pizzi sulla Locride

Dati Tecnici ed equipaggiamento

  • Difficoltà E
  • Lunghezza 5 Km
  • Dislivello 110 metri s.l.m.
  • Vetta 720 metri s.l.m.
  • Durata: 5 ore circa

EQUIPAGGIAMENTO:

CARTOGRAFIA SENTIERO N. 213
CARTOGRAFIA SENTIERO N. 213
  • abbigliamento a strati secondo la stagione;
  • scarponcini da trekking alti alla caviglia;
  • giacca a vento, k-way;
  • zaino da trekking;
  • bottiglietta d'acqua;
  • barretta energetica o snack.

Galleria Foto del'escursione!

Galleria Fotografica di proprietà del sito - Tutti i diritti riservati

© Visit.Antonimina | Magia dell'Aspromonte